tortino-nero-di-seppia
Il timballo di riso al nero di seppia è un piatto molto gustoso e abbastanza noto tra chi si diletta in cucina. Come dargli un tocco che lo renda unico? Ispirati dal mare siciliano, creiamo insieme uno straordinario piatto che lega ingredienti apparentemente distanti ma perfetti nel connubio aggiungendo la Vastedda della Valle del Belice. Il segreto del successo di questa ricetta sta senza dubbio nelle materie prime utilizzate, sane e ricche di sapore.

INGREDIENTI

  • 1 seppia
  • 4 fette di Vastedda
  • 100 grammi di riso
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • finocchietto selvatico
  • salsa al pomodoro
  • burro
  • vino bianco
  • aglio
  • olio

Preparazione

  • Pulire la seppia ed estrarne la sacca contenente il “nero” avendo cura di non romperla. Tagliamo a striscette la seppia e mettiamola da parte, la useremo tra poco. Preparare velocemente un brodo per la cottura del riso.
  • Fare un soffritto con aglio olio e finocchietto selvatico, dopo un paio di minuti aggiungere la seppia e sfumare con il vino. Aggiungere il sugo lasciando bollire per qualche minuto,a fiamma moderata, fino a sentire un gradevole profumo.
  •  Rompere la sacca di nero di seppia all’interno della salsa e continuare a cuocere per altri 3 minuti, fino a quando il composto prende la colorazione scura.
  • Aggiungere il riso e cuocerlo al dente avendo cura di bagnarlo, di tanto in tanto, con il brodo.
  • Ungere i pirottini di burro e cospargerli di pangrattato, nelle quali distribuire una parte di riso, qualche cubetto di Vastedda, nuovamente riso e infine ricoprire la superficie di pangrattato
  • Infornare per 20 minuti in forno preriscaldato a 200 gradi.

Con questi semplici passaggi, pochi ingredienti genuini e in breve tempo avete realizzato il timballo di riso al nero di seppia con cuore di Vastedda, per la vostra gioia e quella dei vostri amici.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>